Progetto

nome del progetto: progetto INTERREG no 1221 - “SISSIE, servizio di informazioni per la sicurezza Carinzia Friuli Venezia Giulia”

sigla: S I S S I E

data d’inizio del progetto: 25/2/2008

data termine progetto: 30/12/2009


sissie
Ritenuto necessario definire, tra le altre cose, anche le modalità operative nelle seguenti attività di protezione civile:

  1. previsione, prevenzione, scambio di dati in tempo reale e comunicazione tempestiva di informazioni relative a situazioni di emergenza;
  2. Assistenza reciproca in condizioni di emergenza e coordinamento dei soccorsi alle popolazioni colpite; il giorno 30/11/2006 è stato sottoscritto il

PROTOCOLLO D`INTESA PER LA COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA TRA LA REGIONE CARINZIA PROTEZIONE CIVILE E LA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA - PROTEZIONE CIVILE,

per la regione Carinzia, dal governatore Dr. Jörg Haider, dall`assessore dei vigili del fuoco Ing. Reinhart Rohr e dal`assessore alla sanità Dr. Wolfgang Schantl, per la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia dal vice presidente assessore regionale alla Protezione Civile Gianfranco Moretton.

All`interno delle misure attuative del protocollo d`intesa, una parte importante è dedicata alla trasmissione delle informazioni e dei dati, allo scambio delle conoscenze e all`addestramento comune. Nel presente progetto SISSIE, deve essere sviluppato e introdotto in una cooperazione transfrontaliera un programma informatico, che viene regolato dalle misure attuative elencate.

Nell’ambito dell`obiettivo 3 del programma (INTERREG IV) Cooperazione Territoriale Europea” con il settore d`intervento A (Collaborazione transfrontaliera Italia-Austria), la realizzazione del progetto si propone all`interno della Priorità 2 Territorio e sostenibilità, nel campo di attività AF2 Prevenzione dei pericoli naturali, tecnologici e protezione civile. A tale scopo devono essere consultati, in quanto elementi fondamentali della tecnologia delle comunicazioni e dell`informazione, da una parte la tecnologia Internet, la rete pubblica dei comuni della Carinzia e la rete comuni-CNC, e dall`altra deve essere utilizzata e sviluppata la banca dati delle risorse per gli eventi calamitosi (riprogettazione).

 obiettivi concreti:

  1. Negli eventi calamitosi la cooperazione transfrontaliera deve essere supportata dall`istituzione e dall’implementazione di una nuova piattaforma di comunicazione e informazione per lo scambio tempestivo di dati e informazioni in caso di calamità. Essa dovrebbe consentire un`ottimizzazione della previsione per il superamento di futuri eventi calamitosi. La progettazione e realizzazione congiunta della piattaforma da parte dei due partner del progetto, nonché l`ampia qualificazione degli utenti, sono parametri essenziali per determinarne il successo. Attraverso la piattaforma on-line è possibile l`accesso in più lingue a tutti i dati delle risorse rilevanti in un evento calamitoso, agevolando notevolmente l`assistenza nei soccorsi transfrontalieri. Questo valore aggiunto per tutti i partner del progetto rappresenta, insieme alla realizzazione del protocollo d`intesa, uno scopo dichiarato del SISSIE.
  2. Secondo l`articolo 7 del TITOLO II, Attività di previsione, prevenzione e scambio di informazioni, del citato PROTOCOLLO D`INTESA, è altresì necessario prevedere momenti di addestramento comune. Nel progetto SISSIE devono essere organizzate e attuate esercitazioni comuni transfrontaliere, per sincronizzare le rispettive procedure d`intervento in entrambi i Paesi in situazioni di emergenza e definirne di nuove. In particolar modo, l`utilizzo della nuova piattaforma deve essere testato e ottimizzato per le necessità anche in caso di evento calamitoso transfrontaliero. Tali esercitazioni devono essere concepite congiuntamente da tutti i partner del progetto (”copione”) e sviluppate come intervento pilota in entrambi i comuni contermini partner del progetto.
  3. Per la realizzazione dell`articolo 6 del TITOLO II, del PROTOCOLLO D`INTESA, nel quale è previsto un vasto scambio di conoscenze tra le componenti tecniche, è opportuna l`organizzazione di un seminario internazionale per il concreto collegamento degli esperti dei partner del progetto.